Dottor Claudio Lucchini - Oculista - Milano - Occhio Secco

Trattamento Lipiflow

LipiFlow® è progettato per alleviare questi sintomi, consentendovi di continuare la vostra vita.

L’eccessiva evaporazione lacrimale potrà diventare un’esperienza del passato con
LipiFlow®
Se siete pronti ad iniziare, chiamateci per prenotare un appuntamento valutativo. Riducete l’uso di collirio o addirittura eliminatelo. Addio, trattamenti quotidiani, ecco LipiFlow®.

Come si arriva alla diagnosi di Sindrome da occhio secco?
Se i sintomi indicati andranno al di là della forma lieve, si può procedere con LipiView®.
Questa tecnologia consente al medico di valutare lo strato lipidico del vostro occhio.
Ecco come funziona: LipiView® dà immagini estremamente dettagliate del film lacrimale del vostro occhio.
La procedura non è invasiva, può essere effettuata presso il nostro ambulatorio e dura meno di cinque minuti. In caso vi siate sottoposti in precedenza ad un esame oculare completo,
LipiView® è un procedimento analogo. Il film lacrimale può essere chiaramente visto come uno
spettro di colori che si riflettono quando una sorgente di luce è diretta verso la superficie anteriore dell’occhio e la sua lettura viene immediatamente calcolata e visualizzata sul monitor di LipiView®.
Il medico effettuerà la valutazione tipica della ghiandola di Meibonio.
LipiView® è un dispositivo di acquisizione immagini utilizzato da parte di personale medico in pazienti adulti per catturare le immagini del film lacrimale. Le situazioni che seguono possono inficiare la valutazione del film lacrimale di un paziente mediante l’uso di LipiView®:

-Uso di lenti a contatto morbide o rigide. Si consiglia i pazienti di rimuovere le lenti a contatto almeno 4 ore prima dell’uso del dispositivo.
-Uso di cosmetici per il viso a base oleosa intorno all’occhio.
-Sfregamento degli occhi.
-Nuoto recente in una piscina con acqua clorata. Nelle 12 ore precedenti l’utilizzo di LipiView® si consiglia ai pazienti di non nuotare.
-Qualsiasi condizione della superficie oculare che comprometta la stabilità del film lacrimale. Queste condizioni includono malattie, distrofia, traumi, cicatrici, interventi chirurgici o altro tipo di anomalie.
-Successivamente a tali valutazioni, saremo in grado di determinare se siete affetti da sindrome dell’occhio secco per aumentata evaporazione lacrimale o disfunzione delle ghiandole di Meibomio e se siete un candidato adatto per LipiFlow®.

Il trattamento innovativo LipiFlow® è utilizzato nel trattamento della Disfunzione delle ghiandole di Meibonio (MGD), detta anche occhio secco evaporativo.
Se non avete tratto giovamento durevole da prescrizioni mediche o presidi terapeutici da banco, è possibile che non fossero i rimedi appropriati a colpire la causa primaria della vostra patologia: l’ostruzione delle ghiandole di Meibonio situate nelle vostre palpebre. Forse vi siete rivolti a sostanze come gocce oculari o impacchi caldi, che molti trovano scomodi e offrono solo un sollievo momentaneo.

Il metodo di Impulso termico LipiFlow®, di TearScience®, è un’innovazione tecnologica importante nel trattamento della Sindrome da occhio secco evaporativo. Con una singola procedura, che applica una combinazione di calore diretto e pressione pulsatile, a molti pazienti èsufficiente un’unica seduta per alleviare l’ostruzione delle ghiandole di Meibomio. Il sistema LipiFlow® è rivolto a pazienti adulti attraverso un trattamento che combina calore e pressione in maniera localizzata. La disostruzione delle ghiandole occluse può consentire al vostro organismo la ripresa della sua produzione naturale di lipidi della pellicola lacrimale.

NESSUN’ALTRA TERAPIA PER LA SINDROME DA OCCHIO SECCO OTTIENE I RISULTATI
DELLA PULSAZIONE TERMICA!

Il trattamento LipiFlow® è clinicamente provato con risultati duraturi. In base ad uno studio clinico, il 79% dei pazienti ha mostrato un effettivo miglioramento dei sintomi complessivi della sindrome da occhio secco dopo un unico trattamento di LipiFlow®. A seconda della gravità delle vostre specifiche condizioni e della vostra personale risposta al trattamento, potreste necessitare della terapia con LipiFlow® periodicamente, in base al riaffacciarsi dei sintomi.
Grazie a LipiFlow®, unito a controlli periodici e costanti per il monitoraggio dei vostri progressi, vi aiuteremo a liberarvi dal disagio della sindrome da occhio secco come mai prima d’ora.

Cosa avviene effettivamente durante la terapia con LipiFlow®?
L’Attivatore LipiFlow® (un dispositivo oculare monouso) viene inserito sotto la palpebra inferiore e superiore ed è sagomato in modo da evitare il contatto con la cornea. Una volta in posizione, èsufficiente rilassarsi sulla sedia reclinabile utilizzata durante il trattamento e sottoporsi alla procedura, che dura dodici minuti. In base ad uno studio clinico effettuato, il 32% dei pazienti non ha riportato alcun fastidio e il 48% ha dato conto di un accrescimento della pressione oculare senza alcun dolore durante il trattamento LipiFlow®. Il punteggio totale medio relativo alle ghiandole di Meibomio nei pazienti che hanno ricevuto un trattamento unico LipiFlow è più che raddoppiato, passando da 6,3 + 3,5 ghiandole nella linea di base a 16,7 + 8,7 in quattro settimane. Come detto in precedenza, il 79% dei pazienti trattati con LipiFlow nello studio clinico su citato hanno riportato un deciso miglioramento dei sintomi complessivi della patologia.

lipiflow

Perché LipiFlow® è superiore alle altre terapie per la Sindrome da occhio secco?
Se si è affetti dai sintomi della Sindrome da occhio secco in maniera moderata o grave, la vita può apparire come una lotta continua per alleviare questi disturbi. I colliri e gli impacchi divengono un rituale continuo. Si tenta con esercizi di ammiccamento e con lo strofinio delle palpebre. Si evita di usare lenti a contatto e di stare troppo tempo davanti al computer.
Se tutto questo vi suona familiare, avete bisogno di LipiFlow®. È il trattamento innovativo per la Sindrome da occhio secco evaporativo. LipiFlow® è:

Il primo e unico trattamento che affronta la causa dell’occhio secco evaporativo alla fonte, permettendo alle ghiandole delle palpebre di produrre i secreti oleosi necessari per un sano film lacrimale.
Altri rimedi – impacchi caldi e colliri – danno soltanto un sollievo sintomatico temporaneo.
L’unico trattamento che può dare un benessere prolungato tramite il miglioramento della funzione ghiandolare. Le altre cure richiedono un’attenzione giornaliera, e talvolta per ogni ora del giorno, per permettervi di tenere sotto controllo i sintomi della Sindrome da occhio secco.
Un passo importante verso la risoluzione dei disturbi della Sindrome da occhio secco, che dà un alleviamento dei sintomi e contribuisce a bloccare il processo di deterioramento della patologia e l’aggravarsi dei suoi sintomi.

Occhio secco - Dot. Claudio Lucchini - Oculista Medico Chirurgo - Milano

Trattamento E-Eye Luce Pulsata

L’E-Eye, progettato e prodotto in Francia dalla società E-swin, dispone di una certificazione medica rilasciata da un organismo internazionale indipendente.

E’ dedicato al trattamento della secchezza oculare nella sua forma evaporativa.
Efficace, quindi, nell’80% dei pazienti affetti dalla sindrome dell’occhio secco.

COME FUNZIONA?

L’apparecchio E-Eye è un generatore di luce pulsata policromatica che gode di una nuova tecnologia : l’IRPL (Intense Regulated Pulsed Light).
E’ in grado di riprodurre sequenze di impulsi luminosi perfettamente calibrate e omogenee.

L’E-Eye emetterà una luce detta “luce fredda” che stimolerà in modo sicuro le ghiandole di Meibomio.

Grazie a questa stimolazione le ghiandole riprenderanno le loro secrezioni ed il film lacrimale ritroverà una struttura normale e i sintomi legati alla secchezza oculare scompariranno.
E’ un trattamento non invasivo, perfettamente indolore e completamente innocuo per il bulbo oculare.

PROTOCOLLO

-Detersione della cute;
-Indossare gli occhialini di protezione procurati dal Medico Specialista “Eye Mask”;
-Sulla regione zigomi e sulla zona temporale viene applicato uno specifico idrogel;
-Il Medico Specialista effettua una serie di 5 flash passando l’emiviso dal canto interno alla zona temporale per entrambi gli occhi;
-Rimozione del gel e detersione del viso.
-Il trattamento dura solo alcuni minuti.

fv        h

 

RISULTATI

La stimolazione con l’E-Eye induce un ritorno ad un’attività normale delle ghiandole di Meibomio.
Gli effetti ottenuti appaiono molto rapidamente dopo ogni seduta e la loro persistenza nel tempo aumenta con il numero di sedute realizzate.

Occhio secco - oculista Milano Lucchini

Occhio secco – patologia e terapie

COS’È LA SINDROME DA OCCHIO SECCO?

La Sindrome da Disfunzione Lacrimale (detta anche “occhio secco”) è una patologia che impiega anni a manifestarsi, e che può peggiorare in caso non venga curata. Oltre 100 milioni di persone soffrono di questo disturbo. La sindrome si manifesta in due principali forme: quella derivante da eccessiva evaporazione lacrimale (dislacrimia) e quella causata da ridotta produzione lacrimale (ipolacrimia).

L’eccessiva evaporazione lacrimale, che è la causa dell’86% dei casi di occhio secco, è provocata dall’ostruzione delle ghiandole di Meibomio che si trovano nelle palpebre.
Tale patologia riguardante l’ostruzione dei dotti ghiandolari è nota come Disfunzione delle ghiandole di Meibomio.
Queste ghiandole sono responsabili della produzione dello strato lipidico delle lacrime.
Quando non funzionano correttamente, non secernono sufficiente sostanza oleosa nel film lacrimale.

Di conseguenza le lacrime, che servono a lubrificare gli occhi e a proteggerli, evaporano troppo velocemente. Un insufficiente strato lipidico può causare un’evaporazione lacrimale da 4 a 16 volte più rapida.

La ridotta produzione lacrimale si verifica quando le ghiandole lacrimali non creano una quantità sufficiente di soluzione acquosa in grado di mantenere l’umidità oculare.

Quali sono i fattori di rischio più comuni della Sindrome da occhio secco?

Le modifiche degli equilibri ormonali nelle donne durante la menopausa, in particolare i diminuiti livelli di estrogeni, possono causare una progressiva atrofia delle ghiandole di Meibonio, che ostruendosi, riducono la quantità di secrezione lipidica.
La diminuzione dei livelli di estrogeni può favorire le condizioni in base alle quali i batteri stafilococco proliferano nelle ghiandole di Meibomio. Questo si traduce in una diminuzione del livello di secrezione oleosa.
Altri fattori che possono causare o aggravare la disfunzione delle ghiandole di Meibomio sono l’età, l’uso e l’igiene delle lenti a contatto, l’uso di cosmetici e alcune malattie, in particolare il diabete.
Sintomi comuni nella Sindrome da occhio secco:

  • secchezza oculare
  • disagio e irritazione
  • formicolio o sensazione di un corpo estraneo nell’occhio
  • sensazione di bruciore o dolore
  • lacrimazione eccessiva
  • arrossamento
  • spurgo
  • affaticamento
  • prurito
  • disturbi della vista
  • fotofobia

 

In che modo la Sindrome da occhio secco influisce negativamente sulla vista e sulla qualità della vita.
I sintomi della Sindrome da occhio secco possono essere spiacevoli, nonché causa di grossi disagi. Incombenze basilari nell’uso della vista come leggere, utilizzare un computer, guidare o guardare la televisione possono diventare difficili. L’uso delle lenti a contatto potrebbe essere inibito. E con il trascorrere delle ore della giornata, probabilmente i sintomi diverrebbero più accentuati, impedendo la pratica delle normali attività che siete soliti svolgere.
Il forte disagio sottolinea una reale condizione fisica che richiede una terapia che arresti il ciclo di deterioramento e l’aggravarsi dei sintomi della patologia dell’occhio secco.
La sindrome da occhio secco è una patologia cronica, che senza adeguati interventi può portare alle seguenti problematiche:

  • Aumento dell’evaporazione lacrimale
  • Instabilità del film lacrimale
  • Lesioni della superficie oculare
  • Aumento del malessere
  • Infiammazione e lesione delle cellule
  • Instabilità e diminuzione della vista