Laser PRK. Oculista Milano. Operazione laser occhi. Miopia, ipermetropia, astigmatismo. Laser PRK Milano e Lombardia. Dott. Claudio Lucchini

PRK: miopia, ipermetropia, astigmatismo

Laser PRK, corregge miopia, ipermetropia e astigmatismo. La PRK è una chirurgia laser di superficie che permette di correggere questi difetti visivi in pochi minuti.

Il laser PRK (Photo Refractive Keratectomy) utilizza il laser ad eccimeri per rimuovere sottili strati di tessuto dalla superficie della cornea con estrema precisione.

L’intervento laser PRK si effettua su differenti zone della cornea a seconda del difetto da correggere, se miopia, astigmatismo o ipermetropia.

Miopia
Il laser PRK asporta il tessuto nella porzione centrale, appiattendo in tal modo la curvatura della cornea e diminuendo così il suo potere di messa a fuoco.

Ipermetropia
Il laser PRK asporta del tessuto nella parte periferica della cornea così da rendere più curva la porzione centrale aumentandone il potere di messa a fuoco.

Astigmatismo
Il laser PRK è programmato per asportare il tessuto su un meridiano della cornea, così da rendere la cornea più sferica.

intervento di PRK

Operazione miopia con laser PRK

 

Laser PRK: precisione e velocità

I laser ad eccimeri di ultima generazione utilizzano sofisticati sistemi computerizzati che controllano ogni istante dell’intervento.
In particolare un sistema chiamato Eye Tracker che, grazie ad un complesso sistema di puntamento, è in grado di seguire i movimenti dell’occhio del paziente rendendo la procedura estremamente sicura e centrata sull’asse visivo.
L’intervento ha una durata di 5 minuti.

 

Laser PRK: l’intervento in 6 passaggi

  1.  Instillazione del collirio anestetico inserimento del divaricatore palpebrale
  2. Posizionamento di uno strumento ad anello contenente soluzione alcolica per 20 secondi
  3. Rimozione dell’epitelio con spugnette
  4. Emissione Laser ad Eccimeri per la correzione del difetto refrattivo (miopia, ipermetropia, astigmatismo)
  5. Medicazione con colliri
  6. Applicazione di una lente a contatto terapeutica (ha la funzione di un cerotto)

 

Visita pre operatoria
Valutazione generale del paziente, considerazione delle sue abitudini di vita e delle aspettative, studio approfondito del difetto visivo (miopia, ipermetropia, astigmatismo), visita ortottica e dell’occhio nel suo insieme. Consegna del consenso informato, della terapia pre-operatoria e programmazione data dell’intervento.

 

La chirurgia refrattiva con laser è controindicata nei seguenti casi:
Malattie autoimmuni e malattie da deficit immunologici, malattie del collagene, donne in stato di gravidanza o allattamento, cheratocono o mappatura corneale anomala, pazienti in terapia con alcuni farmaci, glaucoma e diabete.

 

Per maggiori informazioni sulle diverse tecniche di operazione laser occhi ed i costi contatta il nostro Staff Studio Lucchini

Vantaggi

  • La PRK è un intervento semplice, facilmente ritoccabile se necessario.

Svantaggi

  • Le prime 48 ore dopo l’operazione potrebbero essere dolorose ma gestibili con colliri e antidolorifici per bocca.
  • La lente a contatto terapeutica va portata per circa 5 giorni, il tempo necessario per la formazione del nuovo epitelio corneale.
  • La vista riprende progressivamente durante il primo mese, discreta dopo 10 giorni ma più lenta rispetto alla Femto Lasik.
  • Visione di aloni sulle fonti luminose di notte.
  • Secchezza oculare.

Rare complicanze

  • Ritardo di riepitelizzazione.
  • Perdita di trasparenza della zona corneale operata dovuta a iper attività della cicatrizzazione (haze), rara e spesso migliora spontaneamente nel tempo. In certi casi è necessario pulire la zona con il laser ad eccimeri con una tecnica chiamata PTK.
  • Decentramento del trattamento: molto raro con i moderni laser dotati di Eye traker che permettono di seguire costantemente i movimenti dell’occhio. Ritrattabile con sistemi customizzati.
  • Ipo/iper correzione del difetto da correggere: possibile, ma nel caso fosse necessario si ritratta dopo sei mesi dall’intervento.
  • Infezioni, rare e gestibili con colliri antibiotici.