Fin dai primi anni di vita possiamo capire se tuo figlio ha delle difficoltà visive e aiutarlo a sviluppare una corretta visione evitando lo strabismo e l’occhio pigro (ambliopia).
A 3 anni sarà già in grado di fare un controllo oculistico e ortottico completo.

COME PREPARARE TUO FIGLIO ALLA VISITA

Prepara psicologicamente il tuo bambino prima della vista oculistica in modo che non la viva come un momento di stress, spiegandogli che i dottori faranno con lui dei giochi con disegni e luci, che sarà divertente e non doloroso e che alla fine della visita si metteranno delle gocce negli occhi. Un atteggiamento positivo aiuta a creare un rapporto di fiducia tra il bambino, i genitori, il medico oculista, l’ortottista il personale dello studio per i futuri controlli.

L’IMPORTANZA DELLA PRIMA VISITA

L’impegno psicofisico che il bambino mette in atto a scuola è notevole e l’efficienza visiva è fondamentale per ottimizzare questi elevati consumi di energia.
I genitori debbono saper cogliere alcuni segnali che possono venire direttamente dal bambino o indirettamente dagli insegnati e compagni di classe. Ad esempio l’anomala posizione del capo che è piegato lievemente da un lato o la tendenza di portare il capo indietro alzando il mento o al contrario verso il basso, oppure impugnare con forza eccessiva la matita e mettere il foglio in posizione obliqua; segnali indiretti sono riportati dagli insegnati a cui spesso il bambino chiede cosa c’è scritto alla lavagna.
Bambini con difficoltà di apprendimento devono eseguire una visita oculistica prima d’intraprendere percorsi che evidenziano problematiche più complesse come la dislessia o deficit dell’attenzione.

RICHIEDI INFORMAZIONI

DAL BLOG

Esame del fondo oculare

Che cos’è e perché è necessario in caso di diabete e ipertensione?
Molte persone pensano che la visita oculistica sia semplicemente la misurazione della vista. Ma non è così!
Una visita oculistica completa prevede una serie di controlli sullo stato di salute di tutto l’occhio, e non solo delle sue capacità visive.

Difendersi dalla luce blu

Immagino avrai già sentito parlare degli occhiali anti luce blu, ma li hai mai usati?
Ormai gli schermi luminosi sono parte integrante della nostra quotidianità.
Computer, smartphone, tv... non trovarsi davanti agli occhi uno schermo luminoso oggi è davvero impossibile.

Bambini, smartphone e miopia

Le continue sollecitazioni provenienti dagli schermi influiscono negativamente sulla salute degli occhi, predisponendo una percentuale sempre più alta delle nuove generazioni allo sviluppo di difetti refrattivi. Nei prossimi dieci anni, le stime parlano di un raddoppiamento dei casi di miopia nei giovani.