La Facorefrattiva prevede la sostituzione del cristallino con uno artificiale nei casi in cui non è possibile intervenire con il laser.

SOSTITUIRE IL CRISTALLINO

Per Facorefrattiva s’intende un intervento di sostituzione del cristallino con uno artificiale (IOL) per correggere il difetto refrattivo del paziente in casi in cui non è possibile intervenire con il Laser ad Eccimeri per varie ragioni come cornea troppo sottile o troppo curva.

Indicato in persone dai 50 anni in su, dove sia presente un difetto come miopia, ipermetropia, astigmatismo e presbiopia anche senza la presenza di una cataratta evoluta.
Se le condizioni generali dell’occhio lo permettono grazie all’uso di cristallini Premium multifocali sarà possibile correggere anche la presbiopia rendendo così il paziente libero di svolgere le sue comuni attività senza l’uso degli occhiali che saranno utilizzati solo in certi momenti.
L’intervento, molto simile ai tempi e metodi a quello della cataratta, ha un tempo di recupero breve e senza alcun dolore.

Fondamentale la valutazione pre operatoria del paziente che sarà sottoposto a visita ortottica, visita oculistica completa, esami strumentali con topografia corneale, OCT, pupillometria, biomicroscopia endoteliale e IOL Master.

RICHIEDI INFORMAZIONI

DAL BLOG

Visite a Roma – luglio 2020

Il 31 luglio 2020 sarò a Roma per visite oculistiche, interventi di chirurgia refrattiva e trattamenti di luce pulsata per l’occhio secco.

Lenti a contatto e coronavirus

Si è parlato molto in questi ultimi mesi della possibilità di trasmissione del coronavirus attraverso le lenti a contatto.
Uno studio pubblicato sul Journal of Hospital Infection ha dimostrato che il virus sopravvive una media di cinque giorni sulla gomma silicone, cioè il materiale con cui sono fatte le lenti a contatto.

Esame del fondo oculare

Che cos’è e perché è necessario in caso di diabete e ipertensione?
Molte persone pensano che la visita oculistica sia semplicemente la misurazione della vista. Ma non è così!
Una visita oculistica completa prevede una serie di controlli sullo stato di salute di tutto l’occhio, e non solo delle sue capacità visive.