Gli xantelasmi sono accumuli di grasso visibili sulle palpebre.
Nella popolazione italiana sono un inestetismo molto diffuso che colpisce maggiormente le persone oltre i quarant’anni, ma non sono rari anche nei giovani.

CHE COS’È LO XANTELASMA

Lo xantelasma è una neoformazione benigna che clinicamente appare sotto forma di placche multiple, molli, giallastre e in rilievo, di varia forma e dimensione.
Generalmente si localizza superficialmente nel derma reticolare delle palpebre superiori ed inferiori ed è costituito da macchie o placche gialle innocue ma esteticamente poco gradevoli.
Una certa familiarità è spesso riscontrabile, mentre rimane dibattuta in ambito scientifico la correlazione degli xantelasmi nei pazienti con ipercolesterolemia (colesterolo alto) o in alcune dislipidemie; il metabolismo dei grassi non ha infatti particolare significato diagnostico o prognostico nell’ambito di tali patologie.

COME SI RIMUOVE LO XANTELASMA

L’operazione è ambulatoriale e eseguita in sala operatoria sterile alla presenza di un medico anestesista.
Per rimuovere lo xantelasma utilizzo da anni con successo e soddisfazione dei pazienti il laser CO2 pulsato che vaporizza strato per strato la macchia gialla fino alla sua totale rimozione lasciando una cicatrice quasi invisibile nel tempo.

In genere non eseguo la chirurgia tradizionale con bisturi e punti di sutura perché l’asportazione di zone di tessuto palpebrale, a volte anche ampie, può creare delle trazioni notevoli dando dei problemi nella chiusura delle palpebre ed inoltre le possibilità di recidive sono maggiori.

Il tempo necessario per la guarigione della ferita dopo l’intervento fatto con il laser è di circa 10/15 giorni in base alla grandezza della lesione.
La medicazione con pomate garantisce una perfetta ricostruzione della pelle e con un effetto estetico ottimo, ma variabile secondo il colore della cute del soggetto. Per accelerare il processo di cicatrizzazione a volte associo alla fine dell’intervento una medicazione con PRP ( Platelet-rich plasma)  secondo una tecnica personalmente sviluppata.

RICHIEDI INFORMAZIONI

DAL BLOG

Bambini, smartphone e miopia

Le continue sollecitazioni provenienti dagli schermi influiscono negativamente sulla salute degli occhi, predisponendo una percentuale sempre più alta delle nuove generazioni allo sviluppo di difetti refrattivi. Nei prossimi dieci anni, le stime parlano di un raddoppiamento dei casi di miopia nei giovani.

Natale: 5 consigli per prenderti cura dei tuoi occhi

Sì, hai letto bene… proteggere gli occhi in inverno.
Potrà sembrarti strano perché siamo abituati a farlo in estate. Ma anche durante la stagione invernale non dobbiamo dimenticarci di pochi ma importanti gesti quotidiani.
Ecco i miei 5 consigli per le vacanze, soprattutto se hai in programma viaggi in montagna o al mare.

Visite a Roma – febbraio 2020

Il 13 e 14 febbraio 2020 sarò a Roma per visite oculistiche, interventi di chirurgia refrattiva e trattamenti di luce pulsata per l’occhio secco.